Archivio per 28 marzo 2011

+ Dal Vangelo secondo Luca      Lc 4,24-30 Vangelo del giorno

In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga a Nàzaret «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

Oggi, nella nostra società, che si dice tollerante, si ascoltano un po’ tutti. Se oggi Gesù parlasse nella sinagoga della sua città, sarebbe ascoltato? Dici di no?! Hai ragione anche oggi è difficile essere profeti, andare contro corrente; come minimo pensano che tu sia un pazzo. Soprattutto quando c’è qualcuno che vuole cambiare le cose, scuoterci da quel tran tran che ad un certo punto ci avvolge. Essere coerenti non è facile, diventa odioso uno che ci costringe ad esserlo, soprattutto se questi è uno che è cresciuto sotto i nostri occhi.

Ricordo un’esperienza ascoltata molti anni fa: Due genitori avevano bisticciato e non si parlavano. La loro figlioletta Chiara aveva notato che qualcosa non andava: durante i pasti non si parlava molto, si scherzava ancora meno e quando papà o mamma l’accompagnavano a dormire, non si fermavano più a raccontarle una storia. La cosa andò avanti per alcuni giorni, ad un certo punto Chiara prese un po’ di coraggio e disse: Mamma, papà perché non vi date un bacio? Loro guardarono la loro figlioletta e capirono la lezione. Sì, bisognava che qualcuno prendesse l’iniziativa per riconciliarsi.

Possiamo dire che in questo caso Chiara è stata profeta di amore in casa sua… Meno male che non fu presa a bastonate come Gesù.

Comunità Missionaria Villaregia