“Nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio”

Pubblicato: 14 ottobre 2011 in Lo Specchio del Vangelo, Vangelo del giorno

+ Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 12,1-7

Nel frattempo, radunatesi migliaia di persone che si calpestavano a vicenda, Gesù cominciò a dire anzitutto ai discepoli: «Guardatevi dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Pertanto ciò che avrete detto nelle tenebre, sarà udito in piena luce; e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne, sarà annunziato sui tetti. A voi miei amici, dico: Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla. Vi mostrerò invece chi dovete temere: temete Colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna. Sì, ve lo dico, temete Costui. Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non temete, voi valete più di molti passeri.

In questo passo Gesù ci dice che tutte le nostre azioni verranno alla luce per quelle che sono, anche quello che abbiamo fatto e detto di nascosto si saprà. Pertanto non dobbiamo agire spinti da paura per “coloro che uccidono il corpo”, cioè per chi ci intimidisce, magari anche con minacce, ma dobbiamo restare saldi e non farci spaventare, mantenendo la dignità e rifiutando di piegarci al volere di coloro che, dice Gesù, al massimo possono uccidere il corpo, ma “dopo non possono far più nulla”. Chi dobbiamo invece temere è “colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettarci nella Geenaa” cioè chi, dopo la morte, può farci precipitare all’ Inferno, Satana. Quindi Gesù ci dice che le azioni che compiamo perché intimoriti dalle minacce altrui non verranno “dimenticate” nel momento in cui verremo giudicati, ma che anche queste azioni, compiute per mancanza di spina dorsale, verranno svelate e noi non potremo giustificarle se non dicendo “mi hanno detto gli altri di farlo” o “avevo paura”. Infine Gesù ci consola, dicendo “Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro 
capo sono tutti contati. Non temete, voi valete più di molti passeri” nemmeno la più piccola forma di vita è dimenticata davanti a Dio, nemmeno i passeri che vengono venduti per pochi soldi, figuriamoci poi i suoi stessi figli! E quindi, così protetti, non dobbiamo temere nessun uomo, perché nessun uomo sulla terra può veramente farci del male, se l’unico male che conta è quello arrecato alla nostra anima, e solo noi stessi, agendo in modo sbagliato, possiamo essere artefici della nostra rovina agli occhi di Dio. Questa, secondo me, è la più grande forma di libertà, sapere che nessuno al mondo può danneggiarci se non siamo noi stessi a permetterglielo: preghiamo il signore perché ci permetta di ricordarlo sempre.

★Riflessione di JACOPO★

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...