“Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo,assai prezioso,ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli”

Pubblicato: 2 aprile 2012 in Lo Specchio del Vangelo, Vangelo del giorno

+ Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 12,1-11

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Làzzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Làzzaro era uno dei commensali. Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo. Allora Giuda Iscariòta, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: «Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?». Disse questo non perché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché ella lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me». Intanto una grande folla di Giudei venne a sapere che egli si trovava là e accorse, non solo per Gesù, ma anche per vedere Làzzaro che egli aveva risuscitato dai morti. I capi dei sacerdoti allora decisero di uccidere anche Làzzaro, perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù.

Cerco di immaginarmi la scena, di scattare una fotografia di quel momento, e i particolari, i soggetti che più riesco a mettere a fuoco, sono Maria e Giuda. Entrambi un giorno hanno deciso di seguire Gesù, di amarlo, hanno capito che era una persona “speciale” ma poi durante il cammino lo hanno amato in maniera diversa ; non sono riusciti entrambi ad amarlo incondizionatamente, a lasciare tutto il superfluo delle loro vite per voler bene a Gesù nel modo che meritava, donandosi completamente a Lui. Giuda a qualcosa non è riuscito a rinunciare, quel qualcosa che non gli ha permesso di amare Gesù come lui ama noi e di vedere in Gesù quello che era realmente, tant’è che poi lo tradirà e lo venderà. Maria invece ha ben chiaro chi sia. Magari senza rendersene conto bene neanche lei, sembra però abbia già capito che Lui di li a poco, ci donerà ciò che di più prezioso aveva : la sua vita. Maria probabilmente vuole anche esprimere la sua gratitudine verso Gesù per aver resuscitato Lazzaro e forse anche per questo compie il gesto di spargere il costoso profumo sui suoi piedi. La gratitudine e l’amore di Maria è quella che ognuno di noi dovrebbe avere nei confronti di Dio, quella capacità di amare senza condizioni, senza tenersi qualcosa per se. Poi c’è Giuda che vive invece il gesto di Maria in maniera fredda, calcolata. E forse è il modo che spesso abbiamo noi di vivere la nostra fede ; la fatica  di donarci completamente a Dio, al prossimo. La fatica a “buttarci” nelle cose spinti dalla passione, rischiando a volte di essere troppo calcolatori, perchè legati alle cose più terrene. Prego affinchè possiamo sempre riconoscere Gesù ed essere in grado di buttarci nel dono di noi stessi verso gli altri ; prego affinchè possiamo sempre amarti senza riserve, senza restare troppo legati a cose terrene che potrebbero allontanarci da te. Prego affinchè non dimentichiamo mai di esserti riconoscenti per il dono grande che ci hai fatto.
BUONA SETTIMANA SANTA A TUTTI !

★ Riflessione di Lella ★

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...