“chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio”

Pubblicato: 28 giugno 2012 in Lo Specchio del Vangelo, Vangelo del giorno

+ Dal Vangelo secondo Matteo Mt 7,21-29

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. In quel giorno molti mi diranno: “Signore, Signore, non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse scacciato demòni? E nel tuo nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi?”. Ma allora io dichiarerò loro: “Non vi ho mai conosciuti. Allontanatevi da me, voi che operate l’iniquità!”.
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande». Quando Gesù ebbe terminato questi discorsi, le folle erano stupite del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come i loro scribi.

Gesù ci chiama a fondare la vita su di Lui, senza cercare i grandi miracoli o le grandi imprese da dedicare al suo nome. Ci chiede di vivere nel nostro piccolo, nella nostra comunità, nelle nostre relazioni e i nostri impegni secondo gli insegnamenti di amore e pace che ci ha donato. La giustizia che conta nel suo giudizio divino di misericordia non è quella del nostro mondo, fuoco dell’iniquità, ma la Sua; la difficoltà sta nel rifondare il concetto di “giusto o sbagliato” per mezzo di categorie che non sono quelle che ci vengono proposte o imposte, sbattute in faccia continuamente dagli strumenti di comunicazione. Si coglierebbe la vera essenza della giustizia solo resettando tutto ciò e usare la Parola come unico media e la preghiera come unico mezzo di comunicazione, per questo penso sia veramente difficile. Prego perchè ognuno possa sentirsi e trovarsi accompagnato, mai solo, nel cammino verso Dio, per non arrivare ad essere unicamente qualcuno che grida “Signore, Signore” per farsi accogliere da Lui, ma sentirsi veramente di averlo scelto e di essersi quindi presentati da tempo a quell’amico, fratello e Padre che ci ama davvero.

★ Riflessione di Ciccio ★

Annunci
commenti
  1. Cosetta Giovannini ha detto:

    Con il bel tempo tutte le case sono uguali, una vale l’altra, ma è nella tempesta che si vede la differenza. Se la casa è fondata sulla roccia non deve temere nulla, perchè niente la potrà distruggere. Se la nostra vita è fondata su Gesù niente ci potrà abbattere. Ti prego Signore affinchè nelle difficoltà, grandi e piccole, della nostra vita non ci lasciamo prendere dallo sconforto e dalla disperazione, ma piuttosto dalla fede e dalla speranza perchè tu sei con noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...