“alzatevi e levate il capo”

Pubblicato: 29 novembre 2012 in Lo Specchio del Vangelo, Vangelo del giorno

+ Dal Vangelo secondo Luca 21,20-28

Ma quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, sappiate allora che la sua devastazione è vicina.
Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano ai monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli in campagna non tornino in città;
saranno infatti giorni di vendetta, perché tutto ciò che è stato scritto si compia.
Guai alle donne che sono incinte e allattano in quei giorni, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo.
Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri tra tutti i popoli; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani siano compiuti.
Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti,
mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con potenza e gloria grande.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina»

La Gerusalemme assediata siamo noi. E’ il nostro spirito, il nostro cuore. Gesù ce lo dice chiaramente: ci aspettano dei tempi di devastazione, di calamità che vanno oltre alle nostre possibilità. Sono due le vie: “gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra”. Se crediamo in Cristo, se dedichiamo la nostra vita alla sequela di Gesù, dovremmo morire dalla voglia di incontrarlo, nell’attesa che ciò accada; può darsi che moriremo anche di paura, perchè siamo uomini, è umano cadere. Allora è lì che la fede fa la differenza, nel rialzarsi, nella speranza in qualosa che si trova oltre le nostre possibilità, il disegno di Amore del Padre. Un Dio che è uomo, padre e anche re (“con potenza e gloria grande”) misericordioso, sovrano con indosso una corona di spine e non d’oro, ma in grado di dare la propria vita per il mondo.

Riflessione di Ciccio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...