“Nulla è impossibile a Dio”

Pubblicato: 8 dicembre 2012 in Lo Specchio del Vangelo, Vangelo del giorno

+ Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,26-38

Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile:
nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto». E l’angelo partì da lei.

Dio che attraverso l’arcangelo Gabriele annuncia a Maria la futura nascita di Suo Figlio, così annuncia a noi attraverso degli intermediari cosa è meglio appunto per noi. Lasciandoci piena libertà in ogni scelta ma trasmettendoci i valori e i principi su cui si basa la retta via. Dio non agisce secondo i nostri desideri o le nostre richieste ma agisce nel momento opportuno durante il nostro cammino verso di Lui, portandoci a riflettere sugli ostacoli o gli impedimenti che si presentano nel nostro percorso. Come Maria ha accettato la nascita del bambino, così noi dovremmo provare ad accettare ciò che succede per volere di Dio.

★ Riflessione di Camilla ★

Annunci
commenti
  1. Cosetta Giovannini ha detto:

    “Non Temere!” Non è rivolto solo dall’angelo a Maria ma è rivolto anche a noi, perchè non abbiamo paura di accogliere Gesù nella nostra vita e i progetti che lui ha per noi.
    Leggendo queste parole mi vengono in mente quelle dette da Giovanni Paolo II:
    “Non abbiate paura. Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo!”
    Ti prego Signore perchè possiamo comprendere qual è il progetto che tu hai per la nostra vita e possiamo accoglierlo con il “si” deciso di Maria, senza farci spaventare dalle difficoltà che si possono incontrare per realizzarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...