“Vide e credette”

Pubblicato: 27 dicembre 2012 in Lo Specchio del Vangelo, Vangelo del giorno

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,2-8

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala corse e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.

GiovanniPietroLa Liturgia ci fa fare un bel salto: appena due giorni fa Gesù Salvatore nasceva per noi ed oggi risorge! Un bel modo per ricordarci quel “E li Amò siano alle fine” che contraddistingue l’esistenza terrena del nostro Dio. Uno degli aspetti più belli di questo brano è, secondo me, lo slancio dei discepoli verso il sepolcro che potrebbe simboleggiare il nostro cammino verso il Padre… non un percorso portato avanti strisciando i piedi a stento  giorno dopo giorno, ma un passo deciso e attivo verso una meta da tenere sempre fissa nella mente. I due discepoli arrivano davanti al sepolcro… sono al cospetto del mistero più grande e più bello: è ben specificato come Giovanni (il discepolo che Gesù amava) arrivi per primo ma non entri subito… però è di lui che viene detto “Vide e credette”. Mi domando come mai vengano riportati questi due verbi solo per lui, senza trovare in questo momento grandi risposte.  Beh, loro (come anche Tommaso qualche tempo dopo) hanno visto con i loro occhi il Signore risorto… facile! E noi… 2000 anni dopo questi fatti? Il Signore continua a parlarci direttamente e incessantemente attraverso il Vangelo, che è Parola viva. Anche oggi è possibile trovare il volto di Gesù in tante situazioni, prego perciò per tutte quelle persone che ancora non riescono ad affidarsi completamente al disegno di Amore del Padre perchè vorrebbero vedere con i propri occhi il sepolcro vuoto e le bende al loro posto… perchè possano incontrare Gesù qui in mezzo a noi, oggi.

★ Riflessione di Gulli★

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...