Archivio per aprile, 2008

 

Lo strano percorso (Max Pezzali)

  

Nel suo Album firmato interamente a suo nome e non più con il logo 883, Max Pezzali parla dei temi di sempre: Amore, Amicizia, Malinconia, Libertà filtrati dalla sua esperienza personale. Si tratta di un lavoro più intimista, in cui l’autore guarda dentro di sé, rilegge il suo passato e si sente così in grado di dare anche qualche consiglio di vita ai giovani. La canzone che qui presentiamo parla di un passato che non può tornare, la strada imprevedibile, gli incontri, gli addii, il sentire il bisogno di raccontare che c’è un tempo per ciascun evento della vita.

 

C’è un tempo per i baci sperati, desiderati

tra i banchi della prima B

occhiali grandi, sempre gli stessi, un po’ troppo spessi

per piacere ad una così

 

nell’ora di lettere

guardandola riflettere

sulle domande tranello della prof

non cascarci, amore, no!

 

C’è un tempo per i primi sospiri, tesi insicuri,

finchè l’imbarazzo va via,

col sincronismo dei movimenti, coi gesti lenti

conosciuti solo in teoria

 

come nelle favole,

fin sopra alle nuvole,

convinti che quell’istante durerà

da lì all’eternità…

 

Lo strano percorso

di ognuno di noi

che neanche un grande libro un grande film

potrebbero descrivere mai

per quanto è complicato

e imprevedibile

per quanto in un secondo tutto può cambiare

niente resta com’è.

 

C’è un tempo per il silenzio/assenso, solido e denso,

di chi argomenti ormai non ne ha più

frasi già dette, già riascoltate in 1000 puntate

di una soap-opera alla TV

 

sarà l’abitudine

sarà che sembra inutile

cercare tanto e alla fine è tutto qui

per tutti è tutto qui…

 

Lo strano percorso

di ognuno di noi

che neanche un grande libro un grande film

potrebbero descrivere mai

per quanto è complicato

e imprevedibile

per quanto in un secondo tutto può cambiare

niente resta com’è.

 

C’è un tempo per qualcosa sul viso, come un sorriso

che non c’era ieri e oggi c’è

sembrava ormai lontano e distante, perso per sempre,

invece è ritornato con te

 

con te che fai battere

il cuore che fai vivere

il tempo per tutto il tempo che verrà

nel tempo che verrà…

 

Lo strano percorso

di ognuno di noi

che neanche un grande libro un grande film

potrebbero descrivere mai

per quanto è complicato

e imprevedibile

per quanto in un secondo tutto può cambiare

niente resta com’è

 

“C’è un tempo per i baci sperati, desiderati…”: questa espressione sembra riecheggiare il testo biblico di Qoelet, che osservando la storia e il mondo afferma che: “c’è un tempo per nascere e un tempo per morire, un tempo per demolire e un tempo per costruire, un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per abbracciare e un tempo per allontanarsi, un tempo per conservare e un tempo per gettare, un tempo per tacere e un tempo per parlare, un tempo per amare e un tempo per odiare…” (Qo 3,1-8). Questa legge è inscritta in quel microcosmo che siamo noi. La nostra storia personale è segnata da varie tappe che ne scandiscono il cammino, la crescita. In questa crescita ha una grande importanza la dimensione affettiva. Il bisogno di amare e di essere amati ci accompagna fin dal primo momento che veniamo al mondo e gradatamente trova forme di espressione sempre più adeguate. Così dal bisogno di protezione tipico del bambino si passa al bisogno di amicizia, di relazionalità, di tenerezza e di affetto propri degli adolescenti, e poi dei giovani e degli adulti.

“C’è un tempo per i primi sospiri tesi insicuri, finché l’imbarazzo va via”: davanti alle novità, al non ancora conosciuto e sperimentato normalmente abbiamo un po’ paura, siamo insicuri. E’ solo aprendoci con coraggio e coinvolgendoci in prima persona nella nuova esperienza che possiamo vincere ogni timore e pian piano acquistare sicurezza in noi stessi. In questo senso le esperienze nuove della vita ci fanno maturare, dandoci maggiore consapevolezza delle nostre potenzialità, dei nostri doni e anche dei nostri limiti. E’ la dialettica del confronto che ci cambia: confronto con noi stessi, con gli altri, con la storia, con l’ambiente in cui viviamo.

“Lo strano percorso di ognuno di noi che neanche un grande film potrebbe descrivere mai per quanto è complicato e imprevedibile per quanto in un secondo tutto può cambiare niente resta com’è”: la nostra vita è un libro vivente che noi scriviamo giorno per giorno, fatto di momenti belli e anche difficili, di tappe che rimangono come pietre miliari nel nostro cammino. E’ un percorso “strano” perché non sempre va come noi vorremmo. Ci sono gli imprevisti, le battute di arresto, le deviazioni, le sorprese, i tagli con il passato che a volte ci fanno soffrire… Ma tutto questo significa crescere!

“C’è un tempo per il silenzio/assenso: nella fase della crescita è importante scoprire il valore del silenzio, che non è semplicemente l’assenza di parole o di suoni a volte frastornanti come quelli delle discoteche, ma è lo spazio per ritrovare se stessi e per riappropriarsi della propria vita, per andare fino in fondo là dove puoi trovare Dio. E’ importante, infatti, crescere avendo dei punti fermi che ci orientino nelle piccole e grandi scelte senza cadere in balìa delle mode e degli avvenimenti.

“sembra inutile cercare tanto e alla fine è tutto qui per tutti è tutto qui”: rinunciare a cercare il senso della propria esistenza, ad andare in profondità, a volare più in alto è un po’ come darsi la zappa sui piedi perché ci condanniamo ad essere infelici. La vera felicità non sta “tutta qua” ma nella ricchezza della sua interiorità, nella capacità di scoprire Dio nascosto nelle cose, nella bellezza del creato, nella tua stessa vita che è il regalo più bello che hai e che non puoi buttare via.

“C’è un tempo per qualcosa sul viso, come un sorriso che non c’era ieri e oggi c’è”: la vita ci riserva anche gioie profonde che dobbiamo vivere fino in fondo. Dopo la notte c’è il giorno, dopo il buio c’è la luce, dopo la prova e il dolore c’è la pace e la gioia, dopo la solitudine c’è il sole dell’amicizia.

“Lo strano percorso” è l’avventura stupenda della tua vita che tu devi vivere fino in fondo! E allora: “vivi la libertà di essere libero, vivi la gioia di essere felice, vivi la tristezza di essere sconfitto, vivi il dolore dei rimpianti, vivi la forza per affrontare le difficoltà, vivi il profumo dei tuoi ricordi, vivi la vittoria dei tuoi sogni.

PER RIFLETTERE:

  • Nel tuo cammino di crescita quanta importanza ha la dimensione affettiva?
  • Qual è la tua reazione davanti alle novità e agli imprevisti della vita?
  • Per te cosa significa crescere?
  • Come vivi il silenzio?
  • Quali sono le gioie più grandi della tua vita? Come le hai vissute?

Annunci

Storia del semestre universitario

Pubblicato: 13 aprile 2008 in Senza categoria
Storia del semestre universitario
 


Prima settimana di lezione:
 


Ultima settimana di lezione: 


Prima dell’esame:


Durante l’esame:


Dopo l’esame di marzo:


Prima della sessione estiva:


Quando scopri gli appelli della sessione estiva:


7 notti prima dell’esame di luglio:


6 giorni prima dell’esame di luglio:


5 giorni prima dell’esame:


4 giorni:


3 giorni:


2 giorni:


1 giorno:

 
La notte prima:

 
Un’ora prima:


Durante l’esame:


Una volta terminato l’esame:

Dopo l’esame…le vacanze:
  

        
  

 
                               
In bocca al lupo col nuovo semestre!


Windows Live Mail Tutta la tua posta in un solo posto! Scarica il programma

Proverbi 11, 7-17

Pubblicato: 12 aprile 2008 in Senza categoria

IL MITICO LUUUUUUU CANTA BATTISTI

Pubblicato: 12 aprile 2008 in Senza categoria
IL MITICO LUUUUUUU CANTA BATTISTI
 


Windows Live Mail Tutta la tua posta in un solo posto! Scarica il programma